[ad_1]

(ANSA) – ROMA, 05 APR – “Per costituire una piattaforma
energetica nel Mezzogiorno e per fare del Mezzogiorno un hub
energetico nel Mediterraneo il Pnrr offre sicuramente delle
opportunità importanti che vanno colte, ma credo che queste non
bastino e che ci sia bisogno di trattare in Europa un altro
strumento di investimento appositamente dedicato”, un “gemello
del Pnrr”. Lo ha detto la ministra per il Sud e la Coesione
Territoriale Mara Carfagna durante l’audizione dinanzi alle
Commissioni riunite Politiche dell’Unione europea e Bilancio del
Senato.
   
“Su alcuni singoli investimenti e su alcune linee di
finanziamento se si porranno dei problemi, e credo che si
porranno, di rispetto dei tempi per la realizzazione a causa del
calo di energia, della difficoltà di reperimento delle materie
prime e dell’aumento dei prezzi – ha sottolineato Carfagna – si
potrà prevedere un allungamento dei tempi, un aggiornamento del
piano. Per quello che riguarda la necessità di investire e e
rafforzare la nostra autonomia energetica, credo ci ci sia
bisogno di discutere in Europa e di ottenere un altro strumento
Europeo, gemello del Pnrr, finanziato con il titolo del debito
comune Europeo che possa sostenere Paesi soprattutto come
l’Italia e la Germania che rischiano di pagare un prezzo molto
alto all’azione che dobbiamo intraprendere che porterà a
ridurre, se non addirittura ad interrompere il flusso del gas
dalla Russia”. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA