[ad_1]

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA LIVE

21.33: A 7′ dalla fine prepariamoci a un time-attack finale che definirà il quadro della situazione.

21.30: A 10′ dal termine le due Aprilia comandano le fila con Aleix Espargaro in vetta con il crono di 1:38.244 a precedere di 0.210 Vinales e di 0.227 Quartararo. Bagnaia è 11° ed è per il momento il primo degli esclusi dalla Q2, mentre Bastianini è 14°.

21.28: Quartararo migliora e si porta in terza piazza a 0.227 dalla vetta.

21.27: Si scuote Bagnaia che si porta in sesta piazza 0.699, mentre Bastianini è nono a 0.864. Con questo crono Bagnaia rientra nel novero della top-10 del combinato.

21.25: Scatenati i due piloti dell’Aprilia, con Aleix Espargaro che migliora il crono di Vinales (1:38.244) e si porta in vetta con 210 millesimi di vantaggio sul team-mate, mentre è terzo Mir a 0.571.

21.23: Time-attack impressionante di Vinales che realizza il crono di 1:38.454 in sella all’Aprilia davanti ad Aleix Espargaro di 0.502 e di Marco Bezzecchi di 0.796. Ora attendiamo la risposta degli altri.

21.22: Bastianini si ridesta un po’ portandosi in settima posizione a 0.400 dalla vetta con una combinazione hard/soft.

21.20: Quartararo si dà una bella scossa e si porta in quarta piazza 0.334 dal crono di Aleix Espargaro.

21.17: Di seguito l’ordine dei tempi aggiornato nella FP2:

POS # RIDER GAP

1

41

A. ESPARGARO

1:38.956

2

12

M. VIÑALES

+0.043

3

72

M. BEZZECCHI

+0.294

4

5

J. ZARCO

+0.368

5

42

A. RINS

+0.399

6

89

J. MARTIN

+0.420

7

63

F. BAGNAIA

+0.434

8

33

B. BINDER

+0.540

9

36

J. MIR

+0.622

10

43

J. MILLER

+0.637

 

21.15: ATTENZIONE! Problemi al motore molto serio per Brad Binder che così è costretto a fermarsi.

21.14: Segnalo di vitalità per Bagnaia che si porta in settima piazza dopo aver inanellato una serie di giri: 1:39.390 per lui a 0.434 dalla vetta.

21.11: 1:39.848 per Bagnaia che continua a girare su questo ritmo, mentre Miller conferma le difficoltà di Ducati in frenata.

21.10: Da considerare i problemi di Enea Bastianini, solo 20° in questo turno a 1.602 dalla vetta. Fa fatica il romagnolo a trovare la quadra.

21.10: 1:39.796 per Bagnaia che forse potrebbe anche fare un lavoro sul long run.

21.08: 1:39.947 per Bagnaia che completa un giro non velocissimo, non un buon segnale per lui.

21.05: Bagnaia ha cercato di lanciarsi in questa tornata, ma è andato lungo nel secondo settore della pista. Ancora problemi in inserimento per lui.

21.03: Nel frattempo caduta in curva-1 di Pol Espargaro su Honda. Nessuna conseguenza per lui.

21.02: Aprilia fortissima! Dietro ad Aleix Espargaro, c’è Maverick Vinales a 0.043 dal suo compagno di squadra. Da dire che quest’ultimo ha ottenuto il suo best time con due gomme soft, a differenza del team-mate (hard-soft). Bagnaia ottavo a 0.656, attualmente fuori dalla top-10 della classifica combinata, mentre Bezzecchi è terzo in questo turno a 0.294 dalla vetta.

21.00: Di seguito l’ordine dei tempi aggiornato:

POS # RIDER GAP

1

41

A. ESPARGARO

1:38.956

2

72

M. BEZZECCHI

+0.294

3

89

J. MARTIN

+0.420

4

5

J. ZARCO

+0.463

5

36

J. MIR

+0.622

6

43

J. MILLER

+0.637

7

63

F. BAGNAIA

+0.656

8

30

T. NAKAGAMI

+0.661

9

20

F. QUARTARARO

+0.692

10

88

M. OLIVEIRA

+0.771

 

20.57: Super Aleix Espargaró che con l’Aprilia è il primo pilota ad abbattere il muro dell’1:39: 1:38.956 con 0.294 di margine su Bezzecchi e 0.420 su Martin. Settimo Bagnaia 0.656 e nono Quartararo a 0.692.

20.55: Aprilia con Aleix Espargaró fortissima e soprattutto nell’ultimo settore, mentre Bagnaia settimo a 0.496 fa fatica.

20.53: Martin si migliora con il crono di 1:39.376 ed è terzo in questo turno a 0.260 da Aleix Espargaro, mentre Bagnaia è sesto a 0.496.

20.52: Miglioramenti significativi in pista con Aleix Espargaro che si conferma davanti in 1:39.116 a precedere di 0.134 Bezzecchi e di 0.462 Mir. Bagnaia è quinto a 0.496 in questa FP2.

20.50: Quartararo guadagna una posizione ed è secondo in questo turno a 0.358 da Aleix Espargaro.

20.48: Aleix Espargaro vola con il crono di 1:39.293 a precedere di 0.648 Martin e di 0.706 Quartararo. Bagnaia è 5° a 0.867.

20.46: L’Aprilia continua a far vedere ottime cose con Aleix Espargaro che comanda con il crono di 1:39.760 a precedere di 0.416 Morbidelli e di 0.455 Mir.

20.45: Praticamente tutti con l’anteriore hard e con il posteriore soft. Zarco comanda con il crono di 1:40.264 a precedere Bezzecchi di 0.105 ma siamo solo all’inizio del turno.

20.43: Tutti in pista i piloti per saggiare le condizioni dell’asfalto del circuito di Termas de Rio Hondo.

20.41: Visto quanto accaduto con il ritardo dei voli cargo, i piloti avranno 60′ di tempo a disposizione per trovare la quadra.

20.40: VIA ALLA FP2!!!

20.37: Eccellente in alcuni momenti, ma mai capace di completare un fine settimana perfetto. Come accaduto anche in Indonesia. La gara argentina sarà la grande occasione per Alex Rins e Joan Mir di mettere a posto tutte le tessere del puzzle e, finalmente, sfruttare a pieno il valore di una moto che sembra pronta a essere protagonista lungo tutto il corso dell’annata.

20.34: L’esordio di Lusail aveva messo in mostra una GSX-RR eccezionale. Maneggevole, veloce e efficace in ogni modalità. Poi, dalle qualifiche del Gran Premio del Qatar, la Suzuki è tornata quella di un anno fa.

20.31: Francesco Bagnaia arriva al terzo impegno con appena 1 punto in classifica, mentre il suo vicino di box Jack Miller ha fatto poco di più. La nuova moto sembra ancora in ritardo nel percorso di sviluppo, ma a Borgo Panigale sono convinti che, quando arriveranno, lo faranno per dominare la scena.

20.28: Tra le grandi delusioni di questo primo scorcio di annata non possiamo non annoverare il team Ducati ufficiale.

20.24: Secondo i tecnici Brembo questo circuito rientra nella categoria dei circuiti mediamente impegnativi per i freni. In una scala da 1 a 5 si è meritato un indice di difficoltà 3. ​Il tracciato non viene utilizzato da parecchi mesi e ciò significa che i piloti MotoGP si troveranno di fronte un asfalto molto sporco e per niente gommato. Solo con l’aumentare delle sessioni l’aderenza migliorerà, permettendo di osare di più in accelerazione così come in staccata.

20.21: Il circuito di Termas de Río Hondo è mediamente veloce, con un lungo rettilineo opposto ai box che porta al tornantino di curva 5, mentre la seconda parte del circuito è più veloce con curve e contro curve da raccordare. Il tornantino della curva 13, poco prima del rettilineo di arrivo, obbliga a frenare con la moto inclinata a destra. Lì, compagni su Ducati, dopo uno scontro sono caduti Andrea Iannone e Dovizioso, nel 2016.

20.18: Il circuito di Termas de Rio Hondo si trova a sei chilometri dalla cittadina termale, dalla quale prende il nome, nella parte settentrionale dell’Argentina. È stato inaugurato ufficialmente a maggio 2008 con una gara del campionato per vetture turismo. Nel 2012 è iniziato il rinnovamento della pista, e Termas de Río Hondo è diventato uno dei circuiti più moderni, sicuri e spettacolari dell’America Latina. La sua lunghezza è di 4.806 metri, con 14 curve, cinque a sinistra e nove a destra, e il rettilineo principale misura poco più di un chilometro.

20.15: Tra 25′ si comincerà quindi con una FP2 molto interessante.

20.12: Ora per i centauri della classe regina ci sono un paio d’ore di riflessione prima della seconda sessione di prove libere, che avrà luogo a partire dalle 20.40 italiane e sarà determinante per scegliere i set-up definitivi, nonché per determinare i dieci piloti ammessi direttamente alla fase decisiva delle qualifiche.

20.09: La miglior Ducati è, a sorpresa, quella di Marco Bezzecchi che ha sfruttato anche un gancio di Franco Morbidelli per ottenere la quinta performance. Il pilota del Team Mooney VR46 è l’unico della Casa di Borgo Panigale a essere nella top-10 provvisoria, in quanto Enea Bastianini e Francesco Bagnaia sono rispettivamente 11° e 12°.

20.06: Il terzo tempo di Pol Espargarò ribadisce il concetto. Aprilia ha confermato la sua ottima forma, in quanto Aleix Espargarò e Maverick Viñales hanno chiuso quarto e ottavo.

20.03: Nel finale si sono invece scatenati i time attack, per provare a ipotecare l’accesso diretto al Q2. Anche in questo caso Quartararo ha rubato l’occhio, proponendosi come l’uomo più solido del lotto. Il francese si è dovuto inchinare a Takaaki Nakagami, che conferma come Honda non possa mai essere sottovalutata su questo tracciato, almeno sul giro secco.

20.00: In ogni caso l’equilibrio ha regnato sovrano e anche le Aprilia sono apparse particolarmente pimpanti.

19.56: Nell’ora iniziale di free practice si è notato scarso grip, tanto che i dritti alla prima staccata si sono sprecati, soprattutto per quanto riguarda i piloti Ducati. Il principio del turno è stato caratterizzato da una leggera supremazia delle Yamaha in termini di passo, soprattutto da parte di Fabio Quartararo.

19.53: I centauri avranno a disposizione un’ultima ora di tempo per testare la pista, poi si sfideranno sul giro secco e si definirà la griglia di partenza della gara di domani.

19.50: Buongiorno e benvenuti alla DIRETTA LIVE di prove libere 2 e qualifiche del GP di Argentina 2022, terza tappa del Mondiale MotoGP che va in scena sul circuito di Termas de Rio Hondo.

LA CRONACA DELLE PROVE LIBERE 1

LA CLASSIFICA DELLA FP1

18.45: E’ tutto per questa DIRETTA LIVE. Un saluto dalla redazione di OA Sport.

18.45: Appuntamento quindi alle 20.40 per la FP2 e sarà fondamentale nella seconda ora soprattutto per Bagnaia e Bastianini recuperare per arrivare pronti nelle qualifiche.

18.43 CLASSIFICA PROVE LIBERE 1 GP ARGENTINA MOTOGP 2022

1 30 Takaaki NAKAGAMI JPN LCR Honda IDEMITSU HONDA 1’39.028 24 25 335.3
2 20 Fabio QUARTARARO FRA Monster Energy Yamaha MotoGP YAMAHA 1’39.155 25 28 0.127 0.127 330.9
3 44 Pol ESPARGARO SPA Repsol Honda Team HONDA 1’39.223 23 24 0.195 0.068 332.7
4 41 Aleix ESPARGARO SPA Aprilia Racing APRILIA 1’39.224 18 19 0.196 0.001 336.2
5 72 Marco BEZZECCHI ITA Mooney VR46 Racing Team DUCATI 1’39.230 20 21 0.202 0.006 338.1
6 42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR SUZUKI 1’39.274 25 26 0.246 0.044 337.1
7 88 Miguel OLIVEIRA POR Red Bull KTM Factory Racing KTM 1’39.318 25 26 0.290 0.044 329.2
8 12 Maverick VIÑALES SPA Aprilia Racing APRILIA 1’39.396 22 23 0.368 0.078 336.2
9 33 Brad BINDER RSA Red Bull KTM Factory Racing KTM 1’39.425 24 26 0.397 0.029 336.2
10 36 Joan MIR SPA Team SUZUKI ECSTAR SUZUKI 1’39.427 26 26 0.399 0.002 335.3
11 23 Enea BASTIANINI ITA Gresini Racing MotoGP DUCATI 1’39.589 18 19 0.561 0.162 336.2
12 63 Francesco BAGNAIA ITA Ducati Lenovo Team DUCATI 1’39.622 24 25 0.594 0.033 334.4
13 87 Remy GARDNER AUS Tech3 KTM Factory Racing KTM 1’39.704 20 22 0.676 0.082 332.7
14 73 Alex MARQUEZ SPA LCR Honda CASTROL HONDA 1’39.756 24 27 0.728 0.052 334.4
15 5 Johann ZARCO FRA Pramac Racing DUCATI 1’39.802 23 27 0.774 0.046 336.2
16 10 Luca MARINI ITA Mooney VR46 Racing Team DUCATI 1’39.830 20 20 0.802 0.028 334.4
17 43 Jack MILLER AUS Ducati Lenovo Team DUCATI 1’39.899 19 21 0.871 0.069 335.3
18 21 Franco MORBIDELLI ITA Monster Energy Yamaha MotoGP YAMAHA 1’39.960 26 27 0.932 0.061 330.0
19 49 Fabio DI GIANNANTONIO ITA Gresini Racing MotoGP DUCATI 1’40.004 18 20 0.976 0.044 335.3
20 89 Jorge MARTIN SPA Pramac Racing DUCATI 1’40.182 23 24 1.154 0.178 333.6
21 40 Darryn BINDER RSA WithU Yamaha RNF MotoGP Tea YAMAHA 1’40.293 22 23 1.265 0.111 333.6
22 6 Stefan BRADL GER Repsol Honda Team HONDA 1’40.346 22 23 1.318 0.053 334.4
23 25 Raul FERNANDEZ SPA Tech3 KTM Factory Racing KTM 1’40.474 24 26 1.446 0.128 330.0
24 4 Andrea DOVIZIOSO ITA WithU Yamaha RNF MotoGP Tea YAMAHA 1’40.721 13 26 1.693 0.247 330.9

18.42: Per quanto riguarda gli altri italiani, Luca Marini è 16°, Morbidelli 18°, Di Giannantonio 19° e Dovizioso 24°. In questo contesto ha stupito non poco la Yamaha di Quartararo molto costante.

18.39: Il miglior riscontro della FP1 è stato ottenuto dal giapponese Takaaki Nakagami sulla LCR Honda con il crono di 1:39.028 a precedere di 0.127 il francese della Yamaha Fabio Quartararo e di 0.195 lo spagnolo della Honda Pol Espargaro. Molto bene Marco Bezzecchi con la Ducati del Mooney VR46 Racing Team , mentre più indietro Bastianini e Bagnaia al momento fuori dalla top-10: il romagnolo 11° a 0.561 e il piemontese 12° a 0.594.

18.37: Di seguito l’ordine dei tempi aggiornato:

POS # RIDER GAP

1

30

T. NAKAGAMI

1:39.028

2

20

F. QUARTARARO

+0.127

3

44

P. ESPARGARO

+0.195

4

41

A. ESPARGARO

+0.196

5

72

M. BEZZECCHI

+0.202

6

42

A. RINS

+0.246

7

88

M. OLIVEIRA

+0.290

8

12

M. VIÑALES

+0.368

9

33

B. BINDER

+0.397

10

36

J. MIR

+0.399

 

18.36: Niente da fare per Bagnaia e Bastianini, rispettivamente 12° e 11° a 0.594 e 0.561 da Nakagami.

18.35: BANDIERA A SCACCHI!!!

18.34: Nakagam si porta in vetta con il crono di 1:39.028 con 0.127 di margine su Quartararo e 0.195 su Pol Espargaro. 5° Bezzecchi a 0.202, vediamo se Bastianini e Bagnaia riusciranno a migliorare.

18.34: Ultimi scampoli di questo turno e tantissimi miglioramenti. Ve ne daremo presto conto!

18.33: Scatenato Quartararo che si porta in vetta con il crono di 1:39.155 a precedere di 0.293 Rins e di 0.331 Nakagami. Bezzecchi si porta in settima posizione 0.598, mentr e Bagnaia è 10° a 0.647.

18.30: Quartararo si migliora in maniera chiara e con il crono di 1:39.216 precede di 0.270 Nakagami e di 0.293 Aleix Espargaro. Bagnaia 8° a 0.586, mentre Bastianini è 15° 1.098.

18.28: Bagnaia con la soluzione hard/medium è quinto ora 0.316 e cerca di ritrovare il feeling. Sembra che la hard sull’anteriore dia maggiore stabilità.

18.25: 10′ alla fine con l’Aprilia di Aleix Espargaro che va fortissimo con il crono di 1:39.509 a precedere di 0.245 Rins e di 0.390 Quartararo. Zarco si dà una bello scossone, portandosi in quinta posizione a 0.483, mentre Bagnaia è nono a 0.632.

18.22: Di seguito l’ordine dei tempi aggiornato:

POS # RIDER GAP

1

41

A. ESPARGARO

1:39.509

2

42

A. RINS

+0.245

3

20

F. QUARTARARO

+0.390

4

44

P. ESPARGARO

+0.448

5

12

M. VIÑALES

+0.490

6

36

J. MIR

+0.520

7

63

F. BAGNAIA

+0.632

8

88

M. OLIVEIRA

+0.720

9

30

T. NAKAGAMI

+0.720

10

43

J. MILLER

+0.721

 

18.20: Ottimo tempo di Quartararo che ora è secondo a 0.390, con 18 giri compiuti in totale, mentre Bastianini è 12° a 0.805.

18.18: Ottimo tempo di Quartararo che ora è secondo a 0.390, con 18 giri compiuti in totale, mentre Bastianini è 12° a 0.805.

18.16: Si migliorando Bagnaia e Bastianini: 6° il pilota piemontese 0.632 e 13° Bastianini a 0.935.

18.15: 1:39.509 per Aleix Espargaro che precede di 0.448 Pol Espargaro e di 0.481 Quartararo. In pista Bagnaia che prova a migliorare.

18.13: Implacabile l’Aprilia in questo momento che sta girando fortissimo con Aleix Espargaro in 1:39.745 a precedere di 0.212 Pol Espargaro e di 0.245 Quartararo.

18.12: Di seguito l’ordine dei tempi aggiornato:

POS # RIDER GAP

1

41

A. ESPARGARO

1:39.847

2

44

P. ESPARGARO

+0.110

3

20

F. QUARTARARO

+0.143

4

12

M. VIÑALES

+0.152

5

30

T. NAKAGAMI

+0.382

6

43

J. MILLER

+0.383

7

42

A. RINS

+0.398

8

33

B. BINDER

+0.432

9

21

F. MORBIDELLI

+0.477

10

36

J. MIR

+0.531

 

18.09: Risponde Pol Espargaro con la Honda, montando soft/medium, secondo a 0.110 dal fratello Aleix. Terzo Quartararo a 0.143, mentre ottavo Morbidelli a 0.477. Bagnaia è 11° a 0.637 e Bastianini 21° a 1.533.

18.08: ECCOLO QUI! Aleix Espargaro si porta in vetta con il crono di 1:39.847 che sta girando con la gomma soft nuova a precedere di 0.143 Quartararo e di 0.263 Vinales.

18.07: Vinales si porta in seconda posizione a 0.120 da Quartararo che resta sempre in vetta, ma attenzione all’altra Aprilia di Aleix Espargaro con una serie di caschi rossi.

18.04: Yamaha che sta rendendo meglio del previsto visto il miglior tempo di Quartararo, mentre Morbidelli è sesto a 0.334 dal compagno di squadra.

18.01: Quando mancano poco più di 30′ al termine da notare come Quartararo con la Yamaha sia piuttosto in palla, con la Ducati che si scuote con Miller ora seconda 0.240 dal francese della Yamaha, mentre Bagnaia è ottavo a 0.494 e con difficoltà in frenata. Bastianini solo 19° a 1.390. In evidente difficoltà il romagnolo che mai ha girato con una MotoGP su questa pista.

18.00: Di seguito l’ordine dei tempi aggiornato:

POS # RIDER GAP

1

20

F. QUARTARARO

1:39.990

2

33

B. BINDER

+0.289

3

36

J. MIR

+0.388

4

12

M. VIÑALES

+0.414

5

42

A. RINS

+0.426

6

30

T. NAKAGAMI

+0.483

7

63

F. BAGNAIA

+0.494

8

88

M. OLIVEIRA

+0.648

9

21

F. MORBIDELLI

+0.703

10

41

A. ESPARGARO

+0.725

 

17.58: Per Bagnaia un miglioramento, ma è sempre settimo a 0.494. Tuttavia ci sono dei problemi sulla Rossa in frenata.

17.55: Nel frattempo Quartararo migliora ancora ed è il primo ad abbattere il muro di 1:40: (1:39.990) con un vantaggio di 0.289 su Binder e 0.388 su Mir. Bagnaia nel frattempo si è fatto passare dal francese della Yamaha e ora è settimo a 0.674. Bastianini 16° a 1.390.

17.53: Arrivano ora tempi interessanti con Quartararo che si porta davanti con il crono di 1:40.335, mentre Bagnaia sale in quarta posizione a 0.329. Da notare che il pilota della Yamaha abbia preso come riferimento quello della Ducati in pista.

17.52: In casa Italia, Morbidelli è il migliore con la Yamaha a 0.220 da Nakagami, mentre in casa Ducati si fa fatica con Bagnaia 15° a 0.894 dalla vetta con una combinazione soft/medium.

17.50: Nakagami in vetta con il crono di 1:40.473 a precedere di 76 millesimi Binder e di 0.096 Binder.

17.48: Quartararo si porta in vetta con il crono di 1:40.549 a precedere di 0.041 Binder e di 0.118 Rins. Il francese della Yamaha sta girando con una soft/medium, mentre il sudafricano della KTM con una hard/medium. Indietro Bagnazia e Bastianini, in 15ma e 16ma posizione, con un ritardo di 0.818 e di 0.831. Siamo solo all’inizio…

17.45: Pista sempre più gommata e Alex Rins si porta al comando con il tempo di 1:40.667 a precedere di 31 millesimi Quartararo e di 48 Aleix Espargaro. Finora indietro sia Bagnaia 12° (+0.777) che Bastianini 13° (+0.790).

17.41: Si abbassano i crono con Nakagami che ottiene il miglior riscontro con il tempo di 1:41.540 con una soluzione soft/medium a precedere di 0.008 Quartararo e di 0.162 Martin. 5° Morbidelli a 0.589, mentre Bagnaia è ottavo a 0.706. Pista che si sta gommando.

17.39: Iniziano ad arrivare i primi tempi con la Honda di Takaaki Nakagami che con la LCR Honda ottiene il crono di 1:43.246 a precedere di 0.105 Aleix Espargaro con Aprilia, ma siamo solo all’inizio…

17.37: Tutti in pista e ora vedremo quale sarà l’adattamento delle moto.

17.35: VIA ALLA FP1! Prepariamoci a vivere una prima sessione molto intensa!

17.31: Ci si prepara dunque per una FP1 particolarmente movimentata, vista la compressione della giornata.

17.28: Da valutare le condizioni dell’asfalto di Termas de Rio Hondo. I piloti avranno a disposizione un’ora per trovare la messa a punto ideale.

17.25: Termas de Rio Hondo richiede maggiore potenza rispetto a Mandalika, per cui il rischio per Yamaha è vedere i rivali superarli nei rettilinei come accaduto a Lusail.

17.21: In poche parole, dove c’è bisogno di velocità di punta, come in Qatar, la M1 ha mancato l’appuntamento, mentre sul circuito indonesiano molto più tecnico, la moto nipponica ha impressionato.

17.18: Male a Lusail, molto bene a Mandalika. Questo potrebbe essere il riassunto dell’avvio di stagione per quanto riguarda la Yamaha.

17.15: Pol Espargarò avrà sulle spalle tutta la pressione per tenere in alto la moto del team Repsol, mentre Takaaki Nakagami e Alex Marquez proveranno a barcamenarsi con le Honda del team LCR che, per il momento, hanno marcato visita in queste prime due gare.

17.12: Non sarà un weekend semplice per la Honda. Senza Marc Marquez l rischio è vivere una gara in anonimato.

17.09: La nuova moto sembra ancora in ritardo nel percorso di sviluppo, ma a Borgo Panigale sono convinti che, quando arriveranno, lo faranno per dominare la scena. Al momento, invece, la GP21 risulta la più prestazionale, sfruttando il know-how della passata stagione.

17.06: Tra le grandi delusioni di questo primo scorcio di annata non possiamo non annoverare il team Ducati ufficiale. Francesco Bagnaia arriva al terzo impegno con appena 1 punto in classifica, mentre il suo vicino di box Jack Miller ha fatto poco di più.

17.03: Si comincia alle 17.35 italiane con la FP1, mentre la FP2 è prevista alle 20.40 (la classifica combinata di libere 1 e libere 2 stabilirà i qualificati in Q2 e in Q1). Le qualifiche inizieranno a partire dalle 22.05 italiane.

17.00: La pista sudamericana sarà anche un’insidia visto che l’asfalto non dovrebbe offrire tanto grip e nel lavoro di messa a punto sarà da tenere in debito conta. In un contesto del genere i piloti di maggior esperienza potrebbe trovarsi avvantaggiati rispetto a chi ha meno informazioni sul modo di procedere.

16.57: Da questo punto di vista sarà interessante capire in che modo i centauri si comporteranno. Non saranno ammessi errori e ogni passo dovrà essere ben studiato per non perdere troppo tempo.

16.54: Ecco che sarà un giorno non facile da gestire dal momento che sarà necessario avere una buona messa a punto sia per il time-attack che per la corsa domenicale.

16.51: Come è noto i ritardi sui voli cargo previsti per trasportare in territorio argentino moto e materiali hanno costretto gli organizzatori a stravolgere completamente l’ordine delle cose del fine-settimana.

16.48: Sul tracciato di Termas de Rio Hondo, si prospetta una giornata molto intensa per i piloti e i tecnici costretti a condensare il loro lavoro per la cancellazione del venerdì di libere.

16.45: Buongiorno e bentrovati alla DIRETTA LIVE del sabato di prove libere e di qualifiche del GP di Argentina, terzo round del Mondiale 2022 di MotoGP.

LA DIRETTA LIVE DI FP1, FP2 E QUALIFICHE DI MOTO2 ALLE 14.20, 16.30 E 19.45

LA DIRETTA LIVE DI FP1, FP2 E QUALIFICHE DI MOTO3 ALLE 13.15, 15.25 E 18.50

Come seguire il giorno di prove libere e qualifiche in tv/streamingLa presentazione del GP d’ArgentinaLe cinque risposte del GP d’Argentina

Buongiorno e bentrovati alla DIRETTA LIVE del sabato di prove libere e di qualifiche del GP di Argentina, terzo round del Mondiale 2022 di MotoGP. Sul tracciato di Termas de Rio Hondo, si prospetta una giornata molto intensa per i piloti e i tecnici costretti a condensare il loro lavoro per la cancellazione del venerdì di libere.

Come è noto i ritardi sui voli cargo previsti per trasportare in territorio argentino moto e materiali hanno costretto gli organizzatori a stravolgere completamente l’ordine delle cose del fine-settimana. Ecco che sarà un giorno non facile da gestire dal momento che sarà necessario avere una buona messa a punto sia per il time-attack che per la corsa domenicale.

Da questo punto di vista sarà interessante capire in che modo i centauri si comporteranno. Non saranno ammessi errori e ogni passo dovrà essere ben studiato per non perdere troppo tempo. La pista sudamericana sarà anche un’insidia visto che l’asfalto non dovrebbe offrire tanto grip e nel lavoro di messa a punto sarà da tenere in debito conta. In un contesto del genere i piloti di maggior esperienza potrebbe trovarsi avvantaggiati rispetto a chi ha meno informazioni sul modo di procedere.

OA Sport vi offrirà la DIRETTA LIVE del sabato di prove libere e di qualifiche del GP di Argentina, terzo round del Mondiale 2022 di MotoGP: cronaca reale e aggiornamenti costanti. Si comincia alle 17.35 italiane con la FP1, mentre la FP2 è prevista alle 20.40 (la classifica combinata di libere 1 e libere 2 stabilirà i qualificati in Q2 e in Q1). Le qualifiche inizieranno a partire dalle 22.05 italiane. Buon divertimento!

Foto: MotoGP.com Press

[ad_2]

Source link

Di admin