[ad_1]

Incidente stradale provocato dalla velocità per il neo proprietario della rossa di Maranello. Poco dopo essere uscito dal concessionario infatti è finito su un marciapiede e poi contro un guard-rail

Lorenzo Pastuglia

– Milano

È successo per davvero, e no, non è un pesce d’aprile. Il primo di questo mese, infatti, una Ferrari 488 Gtb è stata danneggiata gravemente nel Regno Unito, dopo soli 3,2 chilometri percorsi e appena uscita dalla concessionaria “Baytree Cars” di Derby, nel Derbyshire. Il motivo dello schianto è legato all’eccesso di velocità. La sportiva prima è finita su un marciapiede per poi volare contro un guardrail. Per fortuna nessuno è rimasto ferito, ma per il neo-proprietario del bolide di Maranello il conto da tirare fuori dal proprio portafogli non sarà indifferente. Un fatto simile era accaduto alla fine dello scorso gennaio, quando un altro guidatore aveva distrutto una rarissima Ferrari Enzo contro un albero in Olanda.

i danni

—  

Nell’incidente, la 488 Gtb — che era stata acquistata nella mattinata di venerdì e guidata per pochi minuti, come ha confermato la polizia locale — ne è uscita abbozzata e graffiata a paraurti anteriore e cofano, mentre i fari si sono spenti subito dopo il botto. Un danno che fortunatamente dovrebbe essere riparabile. Tuttavia oltre al danno c’è stata la beffa. Il conducente sarà multato  di quasi 119 euro poiché la sportiva era sprovvista della targa anteriore. 

poco oltre 21 mila km

—  

Prima di essere stata acquistata dall’uomo, la 488 Gtb, rifinita in Rosso Corsa, era stata guidata per soli 21.565 km, dopo essere stata di proprietà in precedenza di due differenti persone. La sportiva dispone anche del pacchetto Carbon, con diversi elementi in fibra di carbonio, ed è spinta da un V8 in posizione centrale di 3.9 l per 680 Cv a 8 mila giri/min e una coppia massima di 760 Nm per 3 mila giri/min. Fa gli 0-100 km/h in tre secondi esatti e può raggiungere i 330 orari anche se questa velocità il proprietario forse, fortunatamente, non è riuscito a raggiungerla.



[ad_2]

Source link

Di admin