[ad_1]

Immunologo Gorini, ‘presto per giudicare Xe, non è unica variante puzzle’

“La variante ricombinante Xe sta iniziando a trovarsi sotto i riflettori”. Ma “sappiamo ancora poco”. In realtà, però, “Xe non è sola. Anche le varianti ricombinanti Xd e Xf sono state identificate quest’anno. Sono chiamate varianti ricombinanti perché sono come ‘puzzle’ di varianti già classificate”. A fare il punto sul nuovo mutante di Sars-CoV-2 che comincia a far parlare di sé è l’immunologo Giacomo Gorini, il ricercatore italiano che all’università di Oxford ha collaborato al progetto del vaccino anti-Covid poi distribuito da AstraZeneca. Quello che si sa ad oggi di Xe, spiega l’esperto su Twitter, “proviene” dalla “sanità inglese”, dalla Uk Health Security Agency. Ma quali sono le altre varianti ‘chimera’? “Xd e Xf sono ricombinanti di Delta e Ba.1 (Omicron 1), Xe di Ba.1 e Ba.2”, quindi un mix tutto interno alla famiglia Omicron. “In aggiunta – prosegue Gorini – Xe ha tre mutazioni non viste in altre varianti localizzate in due proteine non strutturali (diverse da Spike): Nsp3 e Nsp12”. La variante Xd ha la Spike di Omicron 1 nel genoma di Delta, spiega l’esperto allievo del virologo Roberto Burioni, “al 22 marzo erano stati identificati 49 casi: 40 in Francia, 8 in Danimarca, 1 in Belgio”.

[ad_2]

Source link

Di admin