[ad_1]

Nelle qualifiche della gara endurance che inaugura la stagione del GT World Challenge Europe l’equipaggio del pesarese, su Audi R8 Lms del team Wrt, conquista la posizione 15 in griglia. “Non è stato facile cercare il tempo nel traffico – ha detto Vale -. Ora vediamo come andrà la gara”

Giulio Masperi

– imola (bo)

Con una temperatura quasi invernale di 5 gradi, cielo nuvoloso e pista asciutta, all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola domenica 3 aprile sono andate in scena le qualifiche del GT World Challenge Europe, un’ora di bagarre con tutte le 52 vetture in pista dalle 9 alle 10. L’equipaggio di Valentino Rossi sull’Audi R8 Lms GT3 chiude con il 15° tempo, con un crono – la media dei migliori tempi dei tre piloti – pari a 1:40.866. Scatta dalla pole position nella 3 Ore di Imola, invece, la vettura “gemella”, l’Audi R8 numero 32 del team Wrt, che ha siglato un crono di 1:40.322. “Sono contento delle qualifiche – ha detto Valentino, salito a bordo per ultimo, con un discreto traffico in pista – anche se con tante macchine in pista non è stato semplice fare il tempo”. In gara Valentino dovrebbe guidare nella fase intermedia della prova endurance, nella quale i tre piloti si devono alternare al volante. Il via alle ore 15. 

3 ORE DI IMOLA: LE QUALIFICHE

—  

Al termine della sessione di qualifiche, con pista non ancora gommata, a Imola conquista la pole position l’Audi citata con i piloti Vanthoor-Van Der Linde-Weerts. Seconda un’altra vettura di Ingolstadt, la numero 25, di Legeret-Niederhauser-Mies; terza la Mercedes-Amg numero 88 con Raffaele Marciello-Juncadella-Gounon, vettura molto veloce già delle sessioni delle prove libere del sabato. Competizione ai massimi livelli, con macchine equilibrate nelle prestazioni – anche per via del Balance of Performance – tanto che i tempi finali delle prime 28 vetture sono racchiuse in 1 secondo. Tra le marche italiane, la prima Ferrari 488 GT3 è la numero 51 (Iron Lynx), sesta al via, con James Calado (campione del mondo in carica nel Wec)-Molina-Nielsen; la prima Lamborghini Huracán la numero 63 (Emil Frey) con Bortolotti-Aitken-Costa, che parte tredicesima.

QUALIFICHE: LA CRONACA

—  

Tutti i piloti di ogni equipaggio hanno girato nel turno delle qualifiche. La media dei migliori tempi di ciascuno ha determinato il cronometro della squadra e, di conseguenza, l’ordine di partenza in gara. Allo start nei primi 15 minuti di qualifica (Q1) brillano le Audi R8, con cinque vetture nelle prime posizioni: la più veloce è la numero 12 (Tresor) con Christopher al volante in 1:40:246; quarta la vettura numero 46 (Wrt) con Vervisch al volante, staccato 372 millesimi. Intermezzo Mercedes-Amg con Raffaele Marciello che piazza la sua GT3 (Akkodis Asp) in terza posizione a 293 millesimi. In Q2 tre vetture Audi R8 nelle prime posizioni, con il miglior tempo firmato dalla vettura numero 12 (Tresor) con Christopher al volante, in 1:40.302. Una sessione condizionata da alcune forature e uscite di pista, senza conseguenze per gli equipaggi, ma che ha impedito ai più la ricerca del “tempo”. Sull’Audi numero 46 lo svizzero Müller è 5 decimi più lento del leader (1:40.849). Nella Q3 si registrano alcuni dei tempi migliori, con quattro piloti in grado di scendere sotto il “muro” del minuto e 40 secondi: Gounon su Mercedes, Marvin e Frederik su McLaren, Bortolotti su Lamborghini.

QUALIFICHE: IL TURNO DI VALENTINO

—  

Il Dottore è stato il terzo dei piloti dell’Audi numero 46 a mettersi al volante, nella parte finale delle qualifiche. Una sessione di Q3 nel quale il pesarese ha inanellato alcuni giri trovando il miglior tempo personale, pari a 1:41.132, staccato di 5 decimi dal miglior crono del compagno Vervisch (1:40.618). Nella parte finale delle Q3 Valentino ha faticato a limare ulteriori decimi, anche per via del traffico in pista, mentre nell’ultimo giro lanciato, andando a tagliare eccessivamente i cordoli della Variante Alta, è sfumato il tentativo di migliorarsi. “Mi sono divertito – ha commentato Vale alla fine delle qualifiche – e sono staccato di pochi decimi dai miei compagni. Partiamo quindicesimi, vedremo cosa succederà in gara”. L’Audi del Dottore partirà subito dopo la Ferrari 488 (Iron Lynx) neuro 71, con Antonio Fuoco (autore di un 1:40.087 in Q3)-Rigon-Serra.

3 ORE DI IMOLA, LA GRIGLIA

—  

Ecco l’ordine di partenza della 3 Ore di Imola (il via alle ore 15) con le prime dieci vetture in griglia.

  1. Audi R8 Lms numero 32 (Wrt) in 1:40.322 
  2. Audi R8 Lms numero 25 (Sainteloc) +0.023
  3.  Mercedes-Amg numero 88 (Akkodis Asp) +0.049 
  4. Audi R8 Lms numero 12 (Tresor) +0.100 
  5. McLaren 720S numero 111 (JP) +0.159 
  6. Ferrari 488 (Iron Lynx) +0.190 
  7. Audi R8 Lms (Attempto) +0.244 
  8. Aston Martin Vantage (Beechdean) +0.280 
  9. Bmw M4 (Rowe) +0.294 
  10.  McLaren 720S (Jota) +0.348



[ad_2]

Source link