[ad_1]

Nel primo giorno di Ramadan, sabato 2 aprile, comincia in Yemen una tregua di due mesi. L’Onu ha annunciato l’accordo raggiunto tre le parti, che hanno accettato di fermare tutte le operazioni militari offensive aeree, terrestri e marittime all’interno del paese e oltre i suoi confini. “E’ un primo passo atteso da tempo”, ha spiegato l’inviato delle Nazioni Unite, Hans Grundberg, “tutte le donne, uomini e bambini yemeniti che hanno sofferto immensamente in oltre sette anni di guerra non si aspettano niente di meno che la fine di questo conflitto. E le parti devono realizzarla”.

L’accordo arriva al termine del terzo giorno consecutivo di colloqui tenutisi a Riad. La tregua entrerà in vigore alle ore 19: le parti hanno anche concordato che le navi da rifornimento entrino nei porti di Hudaydah e i voli commerciali operino dentro e fuori l’aeroporto di Sanaa verso destinazioni predeterminate nella regione. Grundberg ha sottolineato che “la tregua può essere rinnovata oltre il termine di due mesi con il consenso delle parti”, e invita le parti a “rispettare pienamente la tregua adottando tutte le misure necessarie per attuarla immediatamente”.

La guerra in Yemen era appena entrata nel suo ottavo anno: nel marzo 2015, infatti, cominciò l’intervento dell’Arabia Saudita per sconfiggere i ribelli sciiti Houthi che controllano la capitale Sana’a e la maggior parte dello Yemen settentrionale. Doveva essere un conflitto breve, prometteva il principe ereditario Mohammed bin Salman, invece si è trasformata nella più grave catastrofe umanitaria del secolo, secondo l’Onu. Le forze del regno degli al-Saud hanno lanciato quasi 25mila raid aerei in sette anni, mentre gli Houthi hanno sparato meno di 1.300 missili e droni nello stesso periodo. L’ultimo ha colpito vicino a Jedda, come i telespettatori di tutto il mondo hanno visto durante le qualifiche della Formula 1.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie,
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it


Sostieni adesso


Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Guerra Russia-Ucraina, la quiete incerta nel centro di Kiev: riaprono i caffè, qualcuno passeggia. “Rifugi? Nessuno ci va più”

next


[ad_2]

Source link