[ad_1]

Ad una settimana esatta dalla morte all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia, proseguono gli accertamenti per capire le cause della morte della 17enne Maria Elia, ricoverata sabato 26 per difficoltà respiratorie e qualche linea di febbre e deceduta nell’arco di poche ore. Una delle ipotesi prospettate dai medici è quella dell’influenza suina. Sarebbe stato isolato il ceppo H1N1, che nel 2009 causò una pandemia la cui fine è stata decretata l’anno successivo. Si attende l’esito degli esami istologici.

Il ricovero e la morte

“Era risultata negativa al Coronavirus in fase di triage al Pronto soccorso – ricorda il padre della ragazza- Aveva anche completato il ciclo vaccinale anti Covid e soprattutto non aveva malattie pregresse”. Maria è andata al pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria della Misericordia sabato nel primo pomeriggio. Aveva febbre e mal di gola, poi ha iniziato ad accusare problemi respiratori. Nell’arco di poche ore, le sue condizioni sono peggiorate rapidamente e in maniera irreversibile. Tanto da finire presto in terapia intensiva. La Procura di Perugia ha aperto un fascicolo per omicidio colposo contro ignoti e disposto l’autopsia. “Vogliamo solo sapere la verità” fa sapere la famiglia della 17enne “e, se questa porterà alla luce responsabilità da parte di qualcuno, chiediamo giustizia”.

[ad_2]

Source link