[ad_1]

di Lorenzo Cremonesi, Marco Imarisio, Andrea Nicastro, Marta Serafini, Fabio Postiglione

Le ultime news in tempo reale. Zelensky: «Avanti con i negoziati fino a raggiungimento risultato. Io resto qui, non me ne vado». Oggi la telefonata con i parlamentari britannici. Due navi Usa nel Baltico «seguite» dai russi

• La guerra tra Russia e Ucraina è arrivata al tredicesimo giorno e l’offensiva russa si intensifica.
• Le delegazioni di Kiev e Mosca hanno ripreso i negoziati. «Ci sono piccoli sviluppi positivi», ha detto il consigliere del presidente Zelensky, Mykhailo Podolyak. Secondo i russi, però, il nuovo incontro «non è stato all’altezza delle aspettative». Il capo negoziatore russo, Vladimir Medinsky, ha precisato però che i negoziati continueranno.
• Putin ha diramato una lista di «Paesi ostili» alla Russia a causa delle sanzioni: c’è anche l’Italia.
• La Bbc: «Sentite forte esplosioni nel porto di Odessa»
• Continuano i tentativi della diplomazia di arrivare al cessate il fuoco. Oggi un nuovo incontro tra il capo dell’Eliseo, il cancelliere tedesco e il leder cinese. È l’ennesimo tentativo della diplomazia di arrivare a un accordo.
• La Banca Mondiale ha approvato un programma di aiuti supplementari immediati all’Ucraina per 489 milioni di dollari.


Ore 2.20 – La Banca Mondiale ha approvato un programma di aiuti supplementari
Immediati aiuti all’Ucraina per 489 milioni di dollari. Il programma è battezzato «Finanziamento della ripresa dopo l’emergenza economica in Ucraina» ovvero «Liberate l’Ucraina». Già il primo marzo scorso l’istituzione di Washington aveva annunciato che stava preparando un aiuto urgente per 3 miliardi di dollari in favore dell’Ucraina, di cui almeno 350 milioni dovevano essere subito sbloccati, un importo irrobustito con la decisione adesso presa dal consiglio d’amministrazione della Banca Mondiale. I fondi serviranno per garantire i servizi essenziali alla popolazione ucraina, per il pagamento dei salari ai lavoratori sanitari, delle pensioni nonché per i programmi sociali a favore delle fasce vulnerabili.

Ore 2.34 – Ucraina: respinti da Gb a Calais circa 300 profughi
La Gran Bretagna ha respinto circa 300 cittadini ucraini che cercavano di raggiungere il Paese dal porto francese di Calais. Lo riferisce la BBC. Sono 589 i profughi arrivati dall’inizio dell’invasione russa a Calais, secondo quanto riferito dalle autorità prefettizie locali: di questi, 286 sono stati respinti dalla Gran Bretagna. Alcuni cittadini ucraini a Calais hanno raccontato alla BBC di aspettare da una settimana l’ottenimento di un visto secondo lo schema di ricongiungimento familiare previsto dalla Gran Bretagna. Sono 17.700 gli ucraini che hanno fatto richiesta di visto a Londra ma sono solo 300 quelli che finora lo hanno ottenuto. Ieri il premier britannico Boris Johnson ha affermato che la Gran Bretagna è «un Paese molto generoso» ma che vuole mantenere il controllo sugli arrivi.

Ore 2.03 – Navi Usa nel Baltico «seguite» dai russi
La marina militare russa sta seguendo i movimenti di due incrociatori lanciamissili americane che sono entrate nel mar Baltico, secondo quanto afferma il ministero della Difesa di Mosca, citato dall’agenzia Tass. Le due unità sono la Uss Donald Cook e la Uss Forrest Sherman, armate di missili guidati Tomahawk a medio raggio con capacità anche nucleare, e vengono seguite dalla Flotta russa del Baltico, ha comunicato alla stampa il ministero.

Ore 1.49 – Zelensky richiama i riservisti ucraini per difendere il Paese

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha firmato nella notte un decreto che richiama i soldati ucraini dislocati nelle forze di peacekeeping perche’ rientrino in Ucraina per difendere il Paese. Lo scrive Kyiv Independent su Twitter, aggiungendo che, in base al decreto, “tutti i soldati e i loro equipaggiamento devono tornare in Ucraina per contribuire allo sforzo bellico”.

Ore 1.45 – Colpito un impianto di medicina nucleare a Kharkiv
L’Ucraina ha riferito all’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) che un impianto di ricerca nucleare che produce radioisotopi per scopi medici e industriali è stato danneggiato dai bombardamenti della Russia nella città di Kharkiv. Lo ha detto il direttore generale dell’Aiea, Rafael Mariano Grossi, sottolineando che i bombardamenti non hanno causato alcun aumento dei livelli di radiazioni nel sito. «Dobbiamo agire adesso per evitare un incidente nucleare in Ucraina che potrebbe avere gravi conseguenze per la salute e l’ambiente. Non possiamo permetterci di aspettare», ha tuttavia sottolineato Grossi.

Ore 1.38 – Kharkiv, morto il nipote del capo di Stato maggiore russo
Vitaly Gerasimov, nipote del capo di stato maggiore e primo vice comandante della 41a armata del distretto militare centrale della Russia, sarebbe stato ucciso durante i combattimenti vicino a Kharkiv. Lo rende noto la BBC che cita l’intelligence ucraina, precisando però di non poter verificare in modo indipendente la notizia. Secondo una dichiarazione del ministero della Difesa ucraino, anche un certo numero di alti ufficiali dell’esercito russo sarebbero stati uccisi e feriti. L’intelligence ucraina afferma che Gerasimov ha preso parte alla seconda guerra cecena e all’operazione militare russa in Siria. E ha ricevuto una medaglia «per il ritorno della Crimea».

Ore 1.27 – Incontro tra Macron, Scholz e il cinese Xi Jinping
Il presidente francese, Emmanuel Macro, e il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, avranno un incontro in giornata con il leader cinese, Xi Jinping, secondo quanto annunciato dall’Eliseo. La Cina, pur difendendo l’amicizia con Mosca, definita dal ministro degli Esteri Wang Yi «solida come una roccia», ha fatto capire di essere disposta a un ruolo di mediazione nel conflitto ucraino. O, come ha suggerito il rappresentante della politica Estera Ue, Josep Borrell, se non una mediazione – a causa della «maggiore vicinanza di Pechino alla Russia» -, per lo meno eserciti la sua influenza su Mosca.

Ore 00.38 – Pentagono, la Russia ha schierato quasi tutte le sue forze militari
La Russia ha inviato in Ucraina quasi tutte le truppe concentrate negli ultimi mesi alla frontiera. Lo ha riferito il Pentagono, che ha spedito in Europa 500 soldati in più per rafforzare la Nato. Secondo il portavoce del Ministero della Difesa americano, John Kirby, Mosca sta adesso cercando di reclutare anche combattenti stranieri, inclusi i siriani. Le forze russe «non hanno conseguito alcun reale progresso considerevole negli ultimi giorni» ha affermato Kirby, mentre il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha annunciato l’invio di altri 500 militari americani in Europa «per rinforzare le capacità difensive e di dissuasione della Nato, specialmente sul versante orientale», in aggiunta ai 12 mila già presenti quest’anno in Europa. Il Pentagono calcola che il presidente russo Vladimir Putin abbia fatto entrare in Ucraina quasi il cento per cento delle sue forze combattenti concentrate sulla frontiera russo-ucraina, intensificando i bombardamenti su obiettivi e infrastrutture civili e zone residenziali, «con sempre maggior frequenza e su scala ogni volta maggiore».

Ore 00.23 – Zelensky: sono a Kiev e non mi nascondo
«Sono a Kiev , in Bankova Street e non mi sto nascondendo». Così il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky in un video pubblicato su Telegram. «Non ho paura. La gente in ogni città si sta difendendo, anche senza armi. Io sono qui e non cederò. Fino a quando sarà necessario per vincere questa guerra». «Ricostruiremo tutto. Renderemo le nostre città distrutte dall’invasore migliori di qualsiasi città in Russia». Così il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un video su Telegram dal suo ufficio di Kiev, per la prima volta dall’inizio dell’invasione il 24 febbraio

Ore 00.02 – Zelensky parlerà ai parlamentari britannici
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si rivolgerà ai parlamentari britannici oggi con un intervento in collegamento video. Lo ha annunciato il presidente della Camera dei Comuni, sir Lindsay Hoyle, che si è detto lieto di accogliere la richiesta «storica» del signor Zelensky. L’intervento si terrà alle 17 ora locale.

Ore 23.50 – Bbc: «Forti esplosioni udite nel porto di Odessa»

Forti esplosioni sono state udite questa sera nella città portuale di Odessa. Lo riferisce il corrispondente della Bbc. «Abbiamo appena sentito tre o quattro forti esplosioni provenire da ovest. Ci è stato detto che era il sistema di difesa ucraino che abbatteva i missili russi in arrivo lanciati da una delle numerose navi da guerra situate al largo della costa qui». Questa mattina la marina militare ucraina ad Odessa aveva annunciato di aver colpito una nave russa provocando danni significativi.

Ore 23.10 – Zelensky: «Avanti con i negoziati fino a raggiungimento risultato»

I negoziati con la Russia proseguiranno fino al raggiungimento di un risultato nell’accordo. Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, a quanto riporta la Tass. «Oggi si è svolto il terzo round di negoziati in Bielorussia, vorrei dire il terzo e l’ultimo, ma siamo realisti. Pertanto, parleremo, insisteremo sui negoziati finché non troveremo un modo per dire al nostro popolo: è così che arriveremo alla pace», ha detto in un videomessaggio pubblicato sul suo canale Telegram. Zelensky ha anche accusato Mosca di avere fatto fallire i corridoi umanitari già concordati nei giorni avendo preferito «carri armati russi, lanciarazzi Grad si e mine russe».

Ore 22.30 – Cessate il fuoco per i corridoi umanitari

La Russia ha annunciato un cessate il fuoco per permettere corridoi umanitari in Ucraina dalle 9 di domani mattina (le 8 in Italia) per l’evacuazione dei civili da Kiev, Chernihiv, Sumy, Kharkiv e Mariupol. Lo ha dichiarato il ministero della Difesa di Mosca, citato dalla Tass. I corridoi umanitari erano già stati annunciati stamani, ma poi non sono stati messi in atto con accuse reciproche di sabotaggio.

8 marzo 2022 (modifica il 8 marzo 2022 | 02:24)

[ad_2]

Source link