[ad_1]

(ANSA) – GENOVA, 02 APR – Arriveranno stasera a Malpensa due
bambini e un ragazzo ucraini con i loro famigliari e saranno
immediatamente trasportati all’Ospedale Gaslini con un mezzo
messo a disposizione dal 118. I piccoli pazienti, affetti da
gravi patologie, saranno presi in cura dagli specialisti di
Gastroenterologia e Endoscopia digestiva diretta da Paolo
Gandullia e del reparto Neurologia Pediatrica e Malattie
Muscolari diretta da Pasquale Striano.
   
“Dopo i primi 11 bambini ucraini già presi in cura,
accoglieremo oggi al Gaslini altri tre bambini per gli
accertamenti necessari, in seguito saranno alloggiati in
appartamenti messi a disposizione dalla Protezione Civile
regionale – spiega Raffaele Spiazzi direttore sanitario del
Gaslini -. Tutti i piccoli pazienti provengono dalla cittadina
di Rzeszów, in Polonia, dove l’Istituto si è messo a servizio
fino alla scorsa settimana per un coordinamento nazionale della
gestione di questa emergenza, attraverso l’invio di una equipe
medico infermieristica pediatrica, guidata dal dottor Andrea
Moscatelli, direttore del dipartimento di Emergenza e della
Terapia Intensiva Neonatale e Pediatrica, che anche dopo il
ritorno in Italia, continua a prendersi cura dei bambini che non
possono più essere curati in Ucraina, collaborando con la
Protezione civile per organizzare il trasferimento dei piccoli e
delle loro famiglie sui mezzi di trasporto disponibili diretti
agli ospedali italiani”. Il Gaslini ha già messo a disposizione
i primi 14 posti per dare una risposta oltre che a pazienti
oncologici, anche a bambini affetti da altre gravi patologie e a
quelli feriti a causa della guerra. Come policlinico dotato di
tutte le specialità pediatriche, è pronto a ricevere e a curare
tutti i piccoli che avranno necessità di cure di alta
complessità. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA