[ad_1]

Secondo i carabinieri si è messo in tasca 120mila euro prima raggirando e poi minacciando sei diverse vittime che aveva circuito attraverso falsi profili sui social. Sono stati i carabinieri di Salò e Limone sul Garda ad eseguire l’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip nei confronti di un giovane extracomunitario.

L’uomo, utilizzando vari profili social falsi, allacciava relazioni virtuali con le sue vittime alle quali poi chiedeva di inviargli foto e video sessualmente espliciti. Una volta ottenuto il materiale scattava il ricatto: voleva soldi per non inviare le foto ai contatti e pubblicarli su piattaforme pubbliche.

La prima vittima a rompere il silenzio aveva pagato 700 euro ma i carabinieri hanno scoperto che i truffati erano almeno altri cinque e che il giro d’affari del truffatore molto più ampio.