[ad_1]

L’ex cancelliera tedesca Angela Merkel ha espresso il suo sostegno all’Ucraina all’indomani della scoperta delle stragi di Bucha. «Alla luce delle atrocità che vengono alla luce commesse a Bucha e in altri luoghi dell’Ucraina – ha detto un portavoce in un comunicato divulgato dalla Dpa – tutti gli sforzi del governo federale e della comunità internazionale degli Stati, di stare al fianco dell’Ucraina e preparare la fine della barbarie e della guerra della Russia contro l’Ucraina, hanno il pieno sostegno dell’ex cancelliera». Le parole di Merkel arrivano arrivano dopo le accuse del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che ieri, 3 aprile, aveva invitato Merkel e l’ex presidente francese Nicolas Sarkozy ad andare a Bucha per prendere atto della loro «politica fallimentare» sulla Russia degli ultimi 14 anni. Zelensky aveva anche accusato Berlino e Parigi di aver posto veti sull’ingresso di Kiev nella Nato. In risposta, il portavoce di Merkel ha detto: «L’ex cancelliera Angela Merkel si riconosce nella decisione presa al vertice Nato del 2008 a Bucarest».

Immagine di copertina: EPA/SASCHA STEINBACH / POOL

Leggi anche:



[ad_2]

Source link