[ad_1]

E niente, anche Valentino Rossi può commettere un errore banale, quasi da principiante se non si trattasse del campione più incredibile sulle due ruote a prescindere dalla categoria. Invece è accaduto, proprio a lui, quel che ha definito un errore che “gela il sangue”, per dirla con le sue parole. Valentino è inciampato ai box nel giorno dell’esordio nel GT World Challenge.

Mancando la sosta con l’ausilio nello sbaglio dei suoi meccanici (in sintesi ha sbagliato box), una leggerezza che ha avuto le sue ripercussioni: il marchigiano è stato costretto ad effettuare un’altra tornata prima di poter imboccare di nuovo la pit-lane, cedendo il sedile a Frédéric Vervisch, che non è riuscito a far miracoli. E si beccato una ammenda per aver sganciato la cintura troppo presto.

Valentino Rossi, errore all’esordio al GF World Challenge

Conclusione, Valentino Rossi ha chiuso al 17° posto la prima esperienza a Imola nel GT World Challenge Europe, campionato riservato alle ruote coperte, in cui è al debutto a 43 anni.

“E’ stato bello. Ci sono tantissime cose, le gare sono davvero caotiche, ci sono tante macchine in pista. Però bello. E ci sono tante cose positive: siamo andati forte, non sapevamo di preciso cosa aspettarci, ottimisticamente pensavamo di fare i primi 10 e ce l’abbiamo quasi fatta. Ho commesso un errore al rientro al box, peccato, ma siamo andati forte”, così Valentino Rossi, a poche ora dal via della gara in della MotoGP in Argentina, ha commentato a Sky Sport MotoGP, il suo debutto nel GT World Challenge Europe.

Rossi ammette lo sbaglio: “Mi si è gelato il sangue”

In un’intervista molto colorita a Motorsport, Valentino Rossi ha ammesso la sua ingenuità che è costata diverse posizioni in zona punti al suo team:

“Sono rientrato e purtroppo non ho visto il mio meccanico con la paletta, era coperto dall’arrivo di un’altra macchina. Ho guardato, guardato, guardato… quando ho visto che avevo già passato il mio box mi si è gelato il sangue. Fino a quel momento avevamo fatto bene e puntavamo al rientro in top 10”.

Rossi sulle gare di Moto2 e Moto3 a Termas de Rio Hondo

Rossi non si è limitato a commentare questo suo esordio, alquanto particolare. Rossi infatti si è speso su quanto visto fino alla sua gara, prima della serata:

“Migno fortissimo, poi purtroppo si è toccato con Masia… male. Vietti è una ‘bestia’, ha fatto una grande gara. Nelle prove siamo sempre un po’ in apprensione, poi la domenica sembra che arrivi un altro pilota, forse quello vero. Anche oggi ha fatto paura, complimenti a lui e a tutto il team. E ora c’è la MotoGP, con Luca (suo fratello Marini, ) in prima fila, vediamo cosa riuscirà a fare”. “Da dentro la macchina si va molto forte – ha aggiunto il pesarese sulla sua nuova esperienza da pilota – è molto emozionante, bello. I tempi sono più o meno quelli della MotoGP. Si va davvero fortissimo”.

E come i ragazzi che iniziano, anche per il Dottore, è stato un’emozione e una scoperta continui: ha cercato di uscire a testa alta dalle due ruote, senza cedere a chi lo riteneva ormai pronto a saltare oltre e ad abbandonare la velocità per intraprendere un percorso da ex. Invece c’è ancora velocità e motore per lui, senza sconti.

VIRGILIO SPORT

[ad_2]

Source link